+39.06.3600.3897 comunicazione@gruppocmb.it

E’ giusto il licenziamento di un lavoratore che si rifiuta di indossare i DPI?

  • HOME
  • 9
  • E’ giusto il licenziamento di un lavoratore che si rifiuta di indossare i DPI?

E’ giusto il licenziamento di un lavoratore che si rifiuta di indossare i DPI?

da | Gen 14, 2014

La Corte di Cassazione sez. lavoro con la sentenza n. 18615 è intervenuta in materia di sicurezza sul lavoro dichiarando che è operato per giusta causa il licenziamento di un lavoratore che si rifiuta, in più riprese, di utilizzare i dispositivi di protezione individuali (Dpi) necessari per lo svolgimento della sua mansione.

La vicenda ha riguardato un lavoratore che si era più volte rifiutato di ricevere i dispositivi. Inoltre, nonostante al lavoratore dipendente fossero state irrogate, prima del licenziamento, ben due sanzioni disciplinari, egli si era ulteriormente rifiutato di ottemperare ai compiti di servizio che gli imponevano il ritiro dei dpi.

Il datore di lavoro di conseguenza gli ha dapprima inibito l’accesso sul luogo di lavoro per violazione della normativa di sicurezza, del codice disciplinare e del rapporto di lavoro. Dopodiché, valutato come gravemente inadempiente il comportamento complessivo del dipendente ha proceduto al suo licenziamento.

La suprema Corte di Cassazione, dopo aver esaminato il ricorso del dipendente, lo ha ritenuto infondato e pertanto respinto. Sostenendo che il lavoratore stesso si fosse reso gravemente inadempiente poiché era suo dovere rendere la prestazione lavorativa con le modalità e nel rispetto delle disposizioni organizzative impartite dal datore di lavoro, compreso l’obbligo di utilizzo dei DPI, ai fini della sicurezza del lavoro e che pertanto il licenziamento fosse da ritenere legittimo.

Potrebbe interessarti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *